Cooperativa Sociale Sostenerti

Assistenza anziani Roma

06-64491625     328-7023754

Il diabete negli anziani

Per parlare del cosidetto diabete negli anziani, è necessaria fare una piccola premessa sulla patologia in generale.

Ben quattro milioni di persone in Italia, giovani e anziani, soffrono di questa patologia quasi collaterale all’alta qualità della vita dei nostri giorni.

In circa il 95% dei casi di tratta di diabete di tipo 2.  In più, si stima, che un ulteriore 1,5-2% della popolazione sia affetta da diabete, ma non sappia di averlo.

Proprio negli anziani la malattia è più comune: tra l’altro questi sono numeri in costante crescita, i casi di diabete sono raddoppiati negli ultimi vent’anni.

Ma che cos’è il diabete di tipo 1 e quello di tipo 2? In cosa si differenziano? Come si può curare e prevenire?

Il diabete di tipo 1 è una condizione più rara del secondo e più grave. Si manifesta soprattutto prima dei 40 anni in modo spesso improvviso e con sintomi sempre palesi (dimagrimento, aumento della diuresi, sete costante). Questo tipo di diabete si cura con iniezioni di insulina, abitualmente con più somministrazioni nella giornata per riprodurre la secrezione di questo ormone nel digiuno ed in risposta ai pasti.

Il diabete di tipo 2 è il più frequente in Italia. Si manifesta dopo i 40 anni, soprattutto in casi di obesità: infatti è noto come “diabete dell’anziano” o “alimentare”.  La persona perde progressivamente la capacità di controllare l’equilibrio della sua glicemia. Il diabete è una malattia cronica purtroppo, ma si possono arginare il più possibile i suoi effetti negativi. Per tanto l’anziano dovrà essere molto seguito nei suoi pasti, riducendo i carboidrati, eliminando gli zuccheri e aumentando l’apporto di proteine. Inoltre va accompagnato a una terapia farmacologica  e ad almeno un po’ di attività fisica (Vi rimandiamo al nostro post su come fare esercizio fisico con l’aiuto di una badante). Una noncuranza di questi aspetti porterà a gravi problemi cardiovascolari, che sono quelli che più attanagliano gli anziani italiani, quindi non va assolutamente trascurata la cura del diabete e i valori devono essere tenuti costantemente sotto controllo.

Questo tipo di diabete si può prevenire con un sano stile di vita:  movimento fisico (anche solo camminare mezz’ora al giorno a passo svelto) e alimentazione corretta,  tornando a cibi genuini, senza eccedere con cibi preconfezionati, consumando nelle giuste proporzioni tutti gli alimenti (verdure, ortaggi, frutta, pasta, pane, pesce, carne, formaggi), controllandone le quantità per correggere o prevenire il sovrappeso. Spesso gli anziani per stanchezza o difficoltà motorie tendono a mangiare in maniera molto approssimativa e sbilanciata, una badante invece,  formata a dovere, sa quanto sia importante un’alimentazione equilibrata e soprattutto conosce bene la dieta consigliata in caso di diabete.

 

Nessun Commento

Rispondi