Cooperativa Sociale Sostenerti

Assistenza anziani Roma

06-64491625     328-7023754

Demenza

Cosa intendiamo con il termine demenza?

 

La demenza è una patologia che causa una diminuzione del funzionamento intellettuale. Il termine demenza è di solito usato nei casi di pazienti che presentano due o più funzioni vitali principali compromesse, tra le quali:

  • memoria
  • linguaggio
  • percezione
  • giudizio
  • ragionamento
  • controllo emotivo e comportamentale alterato
  • personalità alterata
  • capacità di problem solving ridotta o persa.

Cosa è la demenza senile?

Studi recenti hanno scoperto che quasi la metà di tutte le persone di 85 di età hanno una qualche forma di demenza. Anche se è comune nei soggetti molto anziani, la demenza non è una parte del normale processo di invecchiamento.

Come si classifica la demenza?

Ci sono diversi schemi di classificazione per la demenza in base ai problemi riscontrati nel paziente. La demenza è classificata in:

  • demenza corticale: memoria, linguaggio, pensiero, rapporti sociali, compromessi
  • demenza desottocorticale: emozioni, movimento, memoria, compromessi
  • demenza progressiva: abilità cognitive compromesse nel tempo
  • demenza primaria: deriva da una determinata malattia, come il morbo di Alzheimer
  • demenza secondaria: si verifica a causa di malattie o lesioni.

La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza senile nelle persone oltre i 65 anni di età. Questa patologia compromette quasi tutte le funzioni cerebrali, compresa la memoria, il movimento, il linguaggio, il giudizio, il comportamento e il pensiero astratto.

Demenza vascolare

La demenza vascolare è causata da danni al cervello e da problemi cardiovascolari o cerebrovascolari (ictus). Può anche derivare da malattie genetiche, endocardite (infezione di una valvola cardiaca), o angiopatia amiloide (un processo in cui la proteina amiloide si accumula nei vasi sanguigni del cervello, a volte causando ictus emorragico o “sanguinamento”). A differenza di persone con la malattia di Alzheimer, le persone con demenza vascolare spesso mantengono la loro personalità e normali livelli di reattività emozionale fino alle fasi successive della malattia. Le persone affette da demenza vascolare spesso vagano di notte e hanno altri problemi che si trovano comunemente nelle persone che hanno avuto un ictus, tra cui la depressione e l’incontinenza.

Tra i diversi tipi di demenza vascolare c’è la demenza vascolare multi-infartuale, causata da numerosi piccoli colpi nel cervello. Questa patologia in genere include molteplici aree danneggiate, chiamate infarti, insieme con lesioni estese alle fibre nervose del cervello. Poiché gli infarti riguardano zone isolate del cervello, i sintomi sono spesso limitati ad un lato del corpo o possono influenzare solo una o alcune funzioni specifiche, come il linguaggio.

Demenza di Lewy

La demenza di Lewy (malattia a corpi di Lewy) provoca la morte progressiva delle cellule della corteccia cerebrale. Si manifesta con episodi di agitazione e allucinazioni. I sintomi sono simili a quelli della malattia di Alzheimer.

Demenza fronto-temporale

Questo tipo di demenza presenta una forma apatica e una forma agitatoria con comportamenti inappropriati, ed è legata alla degenerazione delle cellule nervose nel cervello nei lobi frontali e temporali. I sintomi evidenti nei pazienti comprendono problemi di comportamento come:

  • aumento dell’appetito
  • comportamento compulsivo
  • problemi di capacità motorie
  • perdita di memoria.

Demenza associata ad HIV

Questo tipo demenza è dovuta ad un’infezione del cervello associata al virus HIV. I sintomi comprendono:

  • difficoltà di memoria
  • apatia
  • ritiro sociale
  • problemi di concentrazione
  • problemi di movimento

I farmaci contro l’AIDS ritardano l’insorgenza della demenza e possono aiutare a ridurre i sintomi.

La malattia di Huntington e la demenza

Questa è una malattia ereditaria causata da un gene difettoso. I figli di una persona con questa malattia hanno una probabilità del 50% di contrarla. La malattia causa la degenerazione in molte regioni del cervello e del midollo spinale. Si manifesta con movimenti coreiformi. I sintomi iniziano intorno ai 30, 40 anni di età e sono:

  • ansia
  • depressione
  • comportamento psicotico
  • scatti involontari
  • movimenti aritmici del corpo.

 

Demenza pugilistica

Questa demenza è anche chiamata sindrome del Boxer, ed è dovuta a lesioni traumatiche al cervello; sintomi comuni sono:

  • tremori
  • anomalie dell’andatura

Demenza secondaria

Le demenze secondarie sono l’effetto di altre malattie o condizioni come deficit di vitamine del gruppo B, uso di anticolinergici e traumi. Queste forme di demenza si verificano in pazienti con altri disturbi del movimento come il morbo di Parkinson o la sclerosi multipla.

Demenza nei bambini

Le infezioni, i traumi e gli avvelenamenti possono portare alla demenza nei bambini. La malattia di Niemann-Pick, la malattia di Batten, la malattia di Lafora e altre anomalie mitocondriali portano alla demenza infantile.

Altre forme rare di demenza

Altre forme più rare di demenza includono:

  • Malattia di Gerstmann-Straussler-Scheinker: la **demenza in questa patologia insorge intorno ai 50 anni di età. La malattia può durare per diversi anni prima che i pazienti muoiano. Causa un’insonnia originata dai danni ad una regione del cervello chiamata talamo, che è in parte responsabile del controllo del sonno. L’insonnia progressiva conduce infine ad una totale incapacità di dormire. Essa può essere fatale nel giro di 7-13 mesi dopo l’inizio dei sintomi
  • Malattia di Niemann-Pick: è un gruppo di malattie ereditarie che influenzano il metabolismo e sono causate da specifiche mutazioni genetiche. I pazienti con malattia di Niemann-Pick non riescono a metabolizzare correttamente il colesterolo e gli altri lipidi. Di conseguenza, una quantità eccessiva di colesterolo si accumula nel fegato e nella milza e quantità eccessive di altri lipidi si accumulano nel cervello, causando i sintomi della demenza. Queste malattie in genere compaiono nei giovani in età scolare.
  • Malattia di Batten: è una malattia ereditaria del sistema nervoso che inizia durante l’infanzia. I sintomi sono collegati ad un accumulo di sostanze chiamate lipopigments nei tessuti del corpo. I primi sintomi includono cambiamenti di personalità e comportamento, apprendimento lento, goffaggine, o inciampare. Nel corso del tempo, i bambini affetti soffrono di ritardo mentale, convulsioni e perdita progressiva della vista e delle capacità motorie. Alla fine, i bambini con malattia di Batten sviluppano la demenza. La malattia è spesso fatale.
  • Malattia di Lavora: è una malattia genetica rara che provoca crisi epilettiche, demenza e disordini del movimento.

Quali condizioni possono causare demenza?

I medici hanno individuato molte altre condizioni che possono causare la demenza, tra le quali:

  • alcuni farmaci
  • problemi metabolici
  • ridotta capacità di assorbire la vitamina B12
  • carenze nutrizionali
  • disidratazione
  • meningite e encefalite
  • leucemia
  • AIDS
  • tumori cerebrali
  • esposizione a metalli pesanti
  • anossia: minore fornitura di ossigeno ai tessuti di un organo
  • età avanzata
  • genetica (familiarità)
  • fumo
  • alcol
  • arteriosclerosi
  • colesterolo alto
  • diabete
  • elevati livelli plasmatici di omocisteina

Come viene diagnosticata la demenza?

Spesso esistono demenze miste con più forme insieme, per la diagnosi può essere interpellato neurologo, geriatra o psichiatra indifferentemente, lo stile di vita attivo mentalmente e fisicamente aiutano nella prevenzione e nella cura, nelle forme avanzate spesso si deve ricorrere all’uso di antipsicotici, nelle demenze parkinsoniane può essere utile l’uso di dopaminergici.

La demenza viene diagnosticata mediante:

  • analisi storica della famiglia
  • esame fisico
  • valutazioni neurologiche
  • test cognitivi e neuropsicologici
  • scansioni cerebrali
  • esami dello stato mentale
  • elettroencefalogrammi
  • esami del sangue
  • valutazioni psichiatriche
  • test di odore-identificazione

 

La demenza può essere prevenuta?

La ricerca ha rivelato una serie di fattori che possono essere in grado di prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza in alcune persone. Tra questi:

  • controllo dei livelli di glucosio tendono
  • impegno in attività intellettualmente stimolanti
  • vitamine del gruppo B
  • basso colesterolo
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • esercizio fisico regolare

Come si cura la demenza?

La maggior parte dei trattamenti per la demenza possono ridurre i sintomi e rallentare la progressione della malattia. Molti ricercatori stanno inoltre esaminando se questi farmaci possono essere utili per il trattamento dei diversi tipi di demenza. Molte persone affette da demenza, in particolare quelli nelle fasi iniziali, possono praticare alcune attività per migliorare le prestazioni del funzionamento cognitivo.

Test mnemonici, dispositivi di richiamo computerizzati, o prendere appunti possono servire loro. Molti studi hanno, inoltre, dimostrato che gli inibitori della colinesterasi aiutano a rallentare il declino delle funzioni mentali associate, e che possono contribuire a ridurre i problemi comportamentali.

Tuttavia, nessuno di questi farmaci può fermare o invertire il corso della demenza.

@Copyright www.pazienti.it

 

 

 

Artrite reumatoide

Artrite reumatoide: come affrontarla

 Per alcune malattie come l’artrite reumatoide, la conoscenza dei sintomi, delle opportunità per limitare i danni e delle cure migliori rappresenta una parte fondamentale della terapia.

Avete sempre dolore ai piedi o alle mani? Avete i polsi gonfi, arrossati e doloranti? Al mattino vi sentite rigidi e indolenziti? Anche i gesti più semplici, come vestirsi, sono imprese quasi impossibili perché sembra che le mani non vogliano aiutarvi a farlo?

Forse è meglio fare al più presto gli accertamenti perché potrebbe trattarsi di una malattia reumatologica. Una di queste malattie è l’artrite reumatoide, in questo caso la diagnosi precoce è parte fondamentale della cura perché bisogna intervenire prima che il danno sia irreversibile e le articolazioni non riescano più a muoversi.

Infatti, è accertato che, se si individua subito la malattia e si inizia tempestivamente la terapia con farmaci efficaci, si è in grado di mitigare il quadro clinico e di rallentare la progressione. Pertanto, riconoscere immediatamente che si tratta di artrite reumatoide, permette di sapere come intervenire.

Cos’è l’artrite reumatoide?

L’artrite reumatoide è una malattia reumatologica infiammatoria cronica e progressiva a carico soprattutto delle articolazioni anche se si può avere interessamento di altri apparati. Ha una frequenza pari allo 0,5/1%. Colpisce soprattutto il sesso femminile di età compresa tra i quaranta e i cinquant’anni, pur essendo possibile una forma di artrite reumatoide senile, giovanile e persino infantile.

La causa dell’artrite reumatoide è sconosciuta, esiste certamente una predisposizione familiare evidenziata dalla frequenza elevata di artrite reumatoide in fratelli gemelli (frequenza sei volte superiore). Per capire quale sia il danno che si verifica in corso di artrite reumatoide, vediamo come sono fatte le articolazioni e come la malattia agisce su di loro (patogenesi).

Artrite reumatoide: patogenesi

Le articolazioni sono strutture anatomiche che tengono unite due ossa adiacenti e permettono il movimento reciproco. Ciascuna articolazione è costituita da:

  • capsula articolare: ingloba le estremità delle due ossa;
  • membrana sinoviale: riveste internamente la capsula articolare, è riccamente vascolarizzata e produce il liquido sinoviale che lubrifica le superfici articolari;
  • cartilagine articolare: riveste le superfici ossee.

Nell’artrite reumatoide si attiva un processo infiammatorio a carico delle strutture anatomiche dell’articolazione. La causa che innesta questo meccanismo è sconosciuta, tuttavia l’organismo comincia a produrre degli anticorpi contro strutture del proprio corpo (autoanticorpi), che nell’artrite reumatoide sono i componenti delle articolazioni, non riconoscendoli come propri.

Questi autoanticorpi attivano un vero e proprio processo infiammatorio con produzione di citochine e conseguente infiammazione della capsula sinoviale (sinovite). Si forma un tessuto particolare (panno sinoviale) che erode la cartilagine e l’osso sottostante provando deformità nelle ossa e impossibilità ad articolarsi tra di loro, quindi a svolgere la funzione articolare.

Come si manifesta il danno articolare nell’artrite reumatoide?

L’artrite reumatoide insorge solitamente in maniera subdola e lenta, solo raramente ha un esordio acuto. I sintomi sono prevalentemente a carico delle articolazioni, sono presenti al mattino, durano per alcune ore ma tendono a migliorare nel corso della giornata.

Questi episodi possono manifestarsi per alcuni giorni e poi risolversi completamente, salvo ripresentarsi a distanza di giorni o settimane a carico di altre articolazioni. Il paziente pertanto vive periodi in cui sono presenti disturbi importanti e invalidanti, alternati a giorni di relativo benessere.

Sono colpite tutte le articolazioni mobili:

  • piccole articolazioni delle mani (eccetto le interfalangee distali): sono le più colpite;
  • piccole articolazioni dei piedi;
  • polsi;
  • gomiti;
  • spalle;
  • anche;
  • ginocchia;
  • caviglie.

Risulta meno frequente l’interessamento dell’articolazione temporo-mandibolare, quando colpisce la colonna vertebrale può esserci interessamento del midollo spinale. La localizzazione è sempre bilaterale e simmetrica (caratteristica identificativa della malattia), le articolazioni vengono colpite in maniera centripeta (dalla periferia verso il centro del corpo), e si ha, nell’evoluzione della malattia, un interessamento aggiuntivo delle sedi interessate.

Le articolazioni appaiono arrossate, dolenti, calde, gonfie. È presente impotenza funzionale dovuta in fase iniziale all’infiammazione, nelle fasi avanzate non si riesce a muovere l’articolazione per la deformazione e l’anchilosi. Alcune deformazioni, per fortuna ormai sempre più rare, conferiscono agli arti delle forme particolari: a colpo di vento le mani, a gobba di dromedario le dita.

L’artrite reumatoide può avere localizzazioni extra-articolari a carico delle sierose (pericardio e pleura) e della cute (noduli reumatoidi). Può associarsi all’artrite reumatoide la sindrome di Sjogren. L’artrite reumatoide presenta un miglioramento del quadro clinico durante la gravidanza.

Sintomi simili a quelli dell’artrite reumatoide possono essere presenti anche in altre malattie reumatiche o nell’artrosi. Tuttavia, poiché è importante giungere in tempi stretti alla diagnosi di artrite reumatoide, sintomi sospetti devono indurre nel più breve tempo possibile a sottoporsi a degli accertamenti per fare diagnosi di artrite reumatoide.

Artrite reumatoide: diagnosi

La diagnosi precoce dell’artrite reumatoide, entro i due anni dall’inizio dei sintomi, risulta essere un fattore fondamentale nella prognosi della malattia, ma sarebbe auspicabile riuscire a fare diagnosi entro sei mesi dall’inizio dei sintomi. I segni clinici che devono far sospettare un’artrite reumatoide sono i segni di infiammazione a carico delle articolazioni (articolazioni gonfie, arrossate, calde e dolenti) in almeno tre sedi tra cui le mani.

Gli esami ematochimici costituiscono un supporto al sospetto diagnostico, vengono prescritti:

  • indici di infiammazione: velocità di eritrosedimentazione (VES), proteina C-reattiva (PCR), elettroforesi sieroproteica, esame emocromocitometrico. Sono esami non specifici dell’artrite reumatoide ma importanti sia in fase pre-diagnostica sia per monitorare l’evoluzione della malattia e quindi l’efficacia della terapia;
  • fattore reumatoide: è presente nell’80% dei pazienti;
  • anticorpi anticitrullina (anti-CCP): specificità del 98% per l’artrite reumatoide.

L’ecografia delle articolazioni interessate dal processo infiammatorio è un esame strumentale utile in quanto permette di evidenziare i segni dell’infiammazione a carico delle strutture articolari e il possibile versamento articolare.

La radiografia delle articolazioni non aggiunge elementi importanti nelle fasi iniziali della malattia in quanto non si sono ancora determinate le erosioni ossee e le deformazioni delle articolazioni tipiche della fase avanzata della malattia. Alla diagnosi segue la presa in carico del paziente affetto da artrite reumatoide e l’inizio della terapia.

Artrite reumatoide: terapia

La terapia dell’artrite reumatoide deve essere iniziata in più presto possibile. Viene definita “finestra di opportunità” il periodo (circa dodici settimane) entro cui si dovrebbe iniziare la terapia per avere una prognosi migliore a breve, medio e lungo termine.

La terapia dell’artrite reumatoide, che prevede un approccio multidisciplinare a cui partecipano il reumatologo, il medico di base, il fisiatra, l’ortopedico e lo psicologo, si prefigge lo scopo di:

  • ridurre il dolore e l’infiammazione;
  • rallentare la progressione della malattia quindi il danno articolare;
  • migliorare la capacità articolare.

Per raggiungere questi obiettivi si avvale di un trattamento non farmacologico e di terapie mediche:

1) terapia farmacologica:

  • farmaci antireumatici
  • antidolorifici: antinfiammatori non steroidei
  • farmaci biologici: vengono prescritti in casi selezionati.

I farmaci possono essere interrotti, su indicazione medica, nei casi di remissione della malattia: assenza di segni di danno articolare e indici di infiammazione negativi da almeno due mesi.

2) terapia non farmacologica:

  • modificare lo stile di vita: è consigliato sempre un periodo di riposo dopo le attività quotidiane. Durante la fase attiva della malattia è meglio prolungare i periodi di riposo;
  • svolgere un’attività fisica con regolarità per mantenere il trofismo muscolare, la funzionalità articolare e il peso corporeo;
  • una dieta varia ed equilibrata

3) riabilitazione: deve effettuarsi lontano dal momento di acuzie della malattia:

  • fisioterapia
  • kinesiterapia: mobilizzazione attiva e passiva delle articolazioni.

4) economia articolare: è una procedura che permette di proteggere le articolazioni. Si insegna al paziente affetto da artrite reumatoide una serie di posture corrette o di atteggiamenti che risparmiano l’attività articolare. Per fare ciò è necessario:

  • adattare l’ambiente casalingo e lavorativo al paziente;
  • far uso di ausili per svolgere alcune attività (aprire una porta, svitare un tappo);
  • utilizzo di ortesi per una corretta postura dell’articolazione sia a riposo che in movimento (splint statico e splint dinamico);
  • rieducazione gestuale per limitare la fatica giornaliera delle articolazioni.

5) terapia chirurgica: trova indicazione nei casi in cui i farmaci non riescano a ridurre la sintomatologia dolorosa e sia presente una notevole limitazione funzionale. Si deve tener conto dello stato di salute generale del paziente. Vengono eseguite artroprotesi e sinoviectomie.

L’artrite reumatoide è una malattia cronica evolutiva e conoscerne le caratteristiche offre un valido supporto per sapere, nel momento in cui viene diagnosticata, come affrontarla

 

Copyright@www.laleggepertutti.it

 

Legge 104

Giorno di permesso 104: commissioni per il disabile

Improprio utilizzo dei permessi 104: si può fare la spesa, acquistare le medicine e ritirare la pensione? Le attività che si possono fare durante il giorno di assenza dal lavoro.

Se c’è un tema, nell’ambito delle controversie tra dipendenti e aziende, che ha occupato maggiormente i nostri tribunali – oltre, ovviamente, ai consueti licenziamenti – è l’uso indebito dei giorni di permesso della legge 104, quelli cioè destinati ad assistere un familiare disabile. Questo perché tre giorni al mese di assenza giustificata dal lavoro e, per giunta, retribuita fanno gola a tutti. Anche chi ha un parente portatore di handicap non sfugge alla tentazione, in questi momenti di pausa dal lavoro, di fare qualcosa per se stesso.

Ma la sorpresa è che una piccola finestra nella giornata, per fare la spesa o badare alle proprie incombenze, è sicuramente legittima.

Lo ha detto la Cassazione due anni fa quando ha ricordato che ormai è stata abolita l’assistenza continuativa per chi gode dei benefici della legge 104. Il che significa che non si deve stare 24 ore su 24 a fare da “badanti”.

Mettiamo però il seguente caso: proprio nel frangente in cui il lavoratore, in uno dei giorni in cui usufruisce del permesso 104, va a svolgere delle faccende per il familiare disabile incontra il capo o uno dei superiori. Gli viene subito contestato il fatto di essere fuori dalla dimora di colui che invece dovrebbe assistere; e così viene licenziato.

Ebbene, un provvedimento di tale tipo è legittimo? Durante il giorno di permesso della 104 è lecito svolgere commissioni per il disabile?

Ecco che la risposta viene, anche in questo caso, fornita dalla Cassazione.

Con una pronuncia di poche ore fa la Suprema Corte è tornata sul tema dei pedinamenti ai beneficiari della legge 104 effettuati e dell’uso distorto che di tali permessi viene spesso fatto.

L’abuso dei permessi della legge 104 è e resta un illecito sia civile (passibile di licenziamento) che penale (per il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, in questo caso lo stipendio versato dall’Inps).

Il punto però è trovare un equilibrio tra lo scopo per il quale il beneficio in questione è stato previsto dalla legge – ossia garantire assistenza a chi è portatore di handicap – e le necessità personali di chi ha un familiare disabile, situazione che lo obbliga a un tour de force, impedendogli, dopo il lavoro, di avere un po’ di tempo per sé o per la propria famiglia (visti gli impegni che l’assistenza comporta ogni giorno). Per questo la Corte ha detto che chi beneficia di uno o più giorni di permessi retribuiti dal lavoro ai sensi della legge 104 può dedicare una parte della giornata anche “ai propri affari” purché non snaturi la sostanza di tali permessi e non dimentichi totalmente il familiare invalido.

Se ciò vale per il lavoratore, a maggior ragione deve valere anche per il portatore di handicap.

Del resto l’assistenza al familiare disabile non va intesa in modo riduttivo come mera assistenza personale presso la sua casa ma comprende tutta una serie di attività che il soggetto non può compiere come ad esempio, fare la spesa o effettuare prelievi e versamenti in banca, acquistare le medicine, provvedere al ritiro della pensione, ecc.

L’abuso dei permessi si configura solo quando tutta o gran parte della giornata viene destinata a scopi personali come nel caso di chi viene sorpreso a fare il ponte o una scampagnata con gli amici o comunque a dedicarsi ad attività ludiche.

Il comportamento del lavoratore che si avvale del permesso di cui all’articolo 33, della legge 104/92 non per l’assistenza al familiare, bensì per attendere ad altra attività, integra l’ipotesi di abuso di diritto, giacché tale condotta si palesa nei confronti del datore di lavoro come lesiva della buona fede, privandolo ingiustamente della prestazione lavorativa in violazione dell’affidamento riposto nel dipendente e integra, nei confronti dell’ente di previdenza erogatore del trattamento economico, un’indebita percezione dell’indennità e uno sviamento dell’intervento assistenziale

Al contrario non si può licenziare il dipendente pedinato da un investigatore privato e avvistato a compiere commissioni nell’interesse del parente disabile.

Nel caso di specie è stato ritenuto illegittimo il recesso dell’azienda dal rapporto di lavoro intimato perché il lavoratore, negli orari di fruizione dei permessi 104, si era recato a fare la spesa o presso gli sportelli delle Poste o intrattenuto a chiacchierare con un amico geometra di un’infiltrazione nell’appartamento della madre. Tali attività erano state svolte nell’interesse del parente disabile.

 

@copyright   www.laleggepertutti.it

Accompagnamento per anziani

Accompagnamento per anziani: requisiti

 

Quali sono le condizioni per aver diritto all’assegno di accompagno per over 65, come si valuta l’invalidità?

Hai già compiuto l’età pensionabile e ti è stata riconosciuta una grave invalidità? Potrebbe esserti riconosciuto l’assegno di accompagnamento, o accompagno: si tratta di un’indennità erogata dall’Inps a chi ha necessità di assistenza nel compimento degli atti quotidiani della vita o per camminare.

Per chi possiede già l’età necessaria per ottenere la pensione di vecchiaia, la valutazione dell’invalidità ai fini dell’accompagnamento viene effettuata in modo diverso, rispetto a chi è ancora in età lavorativa: in entrambi i casi, però, è necessaria l’impossibilità, o di camminare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, o di compiere gli atti quotidiani della vita. Anche la valutazione della capacità di svolgere gli atti quotidiani della vita, ossia di svolgere le funzioni ed i compiti propri dell’età, è effettuata in modo differente per gli invalidi che hanno compiuto l’età pensionabile.

Le condizioni alla base del riconoscimento dell’accompagno sono l’invalidità e la non autosufficienza. Queste condizioni non vanno confuse tra loro, né con l’handicap, che dà diritto alle agevolazioni della Legge 104.

 

Anche se la procedura per presentare la domanda d’invalidità, Legge 104 e accompagnamento è unica, le condizioni sanitarie alla base delle prestazioni riconosciute sono diverse.

In particolare:

  • l’invalidità è intesa come la riduzione della capacità lavorativa, se l’interessato ha tra i 18 e 65 anni; se l’interessato è minorenne o anziano, il riconoscimento dell’invalidità è parametrato sulle funzioni e compiti propri dell’età;
  • il riconoscimento dell’handicap spetta invece a chi ha una disabilità mentale, motoria o sensoriale tale da impedire o limitare notevolmente l’integrazione sociale, lavorativa, personale e familiare;
  • la non autosufficienza, infine, consiste nell’impossibilità di deambulare o di compiere gli atti quotidiani della vita senza l’aiuto di un accompagnatore.

Quali sono i requisiti per l’assegno di accompagnamento?

L’assegno di accompagnamento, o accompagno, normalmente può essere ottenuto da chi possiede i seguenti requisiti:

  • invalidità civile riconosciuta totale e permanente del 100% accompagnata dall’impossibilità di camminare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
  • invalidità civile riconosciuta totale e permanente del 100% accompagnata dall’impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita, con conseguente necessità di un’assistenza continua.

 

L’impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita si realizza quando la persona riconosciuta invalida non riesce a compiere le azioni elementari svolte quotidianamente da una persona normodotata della stessa età.

Per atti quotidiani della vita, nello specifico, si intende l’insieme delle funzioni che normalmente ogni individuo compie ogni giorno: vestirsi, lavarsi, mangiare e preparare i pasti, espletare i bisogni fisiologici, fare la spesa o commissioni di vario tipo, spostarsi nell’ambiente domestico o per raggiungere il luogo di lavoro, svolgere le faccende domestiche, conoscere il valore del denaro, orientarsi nello spazio e nel tempo, essere in grado di provvedere a sé in una situazione d’emergenza e di chiedere soccorso, leggere, mettere in funzione la radio e la televisione, guidare l’automobile per le necessità quotidiane legate a funzioni vitali, etc.

Quali sono i requisiti per l’assegno di accompagnamento per gli anziani?

La valutazione per il diritto all’accompagno è differente per le persone minori di 18 anni e per gli ultra65enni. La legge, difatti, prevede che si considerano mutilati ed invalidi i soggetti che hanno persistenti difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.

 

Il possesso di questi requisiti non dà diritto a un’autonoma attribuzione dell’indennità di accompagno, ma consente di considerare mutilato e invalido chi ha difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell’età, primo requisito necessario per il riconoscimento dell’accompagnamento.  Questo, perché per i minorenni e gli over65 non è possibile basarsi sulla riduzione della capacità lavorativa, quindi non è possibile valutare l’invalidità con le stesse modalità previste per le persone maggiorenni che non hanno compiuto l’età pensionabile.

 

L’invalido al 100% anziano ha diritto all’accompagnamento?

Se hai già compiuto l’età pensionabile, e il verbale della commissione medica ti ha solo riconosciuto il primo dei requisiti necessari all’accompagno, ossia l’invalidità del 100%, valutata non in base alla riduzione della capacità lavorativa, ma sulla base della persistente difficoltà nel compiere gli atti quotidiani della vita, o nel deambulare, non è detto che tu abbia diritto all’accompagno.

 

Come si fa la domanda di accompagnamento per anziani?

Se hai già compiuto l’età pensionabile e vuoi richiedere l’accompagno, puoi usufruire di una nuova procedura semplificata della domanda di accompagnamento per anziani: grazie a questa nuova procedura, puoi comunicare anticipatamente i dati amministrativi per la concessione dell’accompagnamento, anticipando così l’invio all’Inps del modello AP70 senza attendere l’emissione del verbale. Per il diritto all’indennità, dovrai comunque attendere l’esito dei nuovi accertamenti sanitari.

Per l’indennità di accompagno non ci sono limiti di reddito, ma è incompatibile con le indennità che hanno la stessa finalità.

 

Copyright @ https://www.laleggepertutti.it/235073_accompagnamento-per-anziani-requisiti

Sollevare e muovere l’anziano

La capacità di spostarsi autonomamente garantisce al malato l’opportunità di fare esercizio, rimanere in forma e mantenere un certo grado di indipendenza. Passeggiare e svolgere una qualsiasi attività fisica migliora la circolazione e promuove un senso generale di benessere.

La ginnastica, inoltre, aiuta a contrastare l’irrigidimento delle articolazioni, la diminuzione delle masse muscolari e la decalcificazione ossea. Può accadere che il malato non sia interessato a muoversi e che quando gli suggeriamo di fare qualcosa abbia difficoltà a capire. A rendere difficoltoso il movimento possono poi contribuire vari problemi fisici. Tuttavia, con la perseveranza e l’incoraggiamento possiamo riuscire a mantenerlo attivo e più indipendente. Anche l’assistenza potrebbe diventare meno faticosa e meno impegnativa a livello emotivo.

 

Quando l’anziano non è motivato a muoversi o trova difficile alzarsi dalla sedia, può essere necessario incoraggiarlo e aiutarlo. Talvolta può aver bisogno di incoraggiamento anche per portare a termine un’azione già iniziata. È utile stimolarlo ogni tanto con frasi del genere: “Molto bene, adesso attaccati alla maniglia” oppure: “Ce l’hai quasi fatta, coraggio!”. Se trova difficile camminare o compiere una determinata azione, possiamo cercare di scomporla in movimenti più semplici. Questo richiederà più tempo, ma dovremo evitare di fargli premura.

Non deve sorprendere il fatto che alcuni di essi non collaborino quando si cerca di farli camminare. È possibile che non capiscano le nostre intenzioni o che non amino essere trattati come un oggetto. Se ci avviciniamo in modo calmo, rilassato, sorridendo e gli spieghiamo lentamente ciò che pensiamo di fare, con ogni probabilità lo troveremo più collaborativo.

Anche se non comprende quello che gli stiamo dicendo, il tono della nostra voce e l’espressione del volto gli sembreranno rassicuranti. Si può anche cercare di spiegargli ciò che intendiamo in modo diverso, ad esempio mimando l’azione o guidando con delicatezza i suoi movimenti. Talvolta semplicemente è possibile che non si senta di alzarsi: allora è preferibile lasciarlo stare per un po’ e riprovare più tardi. Aiutare ad alzarsi qualcuno che non vuole farlo diventa un compito inutilmente arduo e faticoso.

Per far ciò necessario sincerarsi che il pavimento non sia scivoloso, non ci siano per terra tappetini flosci, fili elettrici o altro; che non ci siano in giro mobili traballanti o oggetti che possano ostacolare il movimento o causare incidenti. Gli anziani tendono ad essere malfermi sulle gambe e talvolta hanno problemi di vista. Bisogna assicurarsi che né noi né lui abbiamo ai piedi scarpe che scivolano.

Corrimano o maniglie di sostegno su entrambi i lati delle scale e in alcune stanze (ad esempio nel bagno e accanto al water) sono certamente utili. Anche il girello può essere di aiuto. È bene, se possibile, modificare i mobili in modo che non creino problemi: ad esempio aumentare l’altezza della sedia e della testata del letto, rialzare la seduta del water.

 

Non bisogna mai cercare di trasportare una persona da soli, perché potremmo danneggiare seriamente noi stessi e lui. Anche sorreggere qualcuno che è molto pesante e non collabora può essere rischioso, se non si usa la massima attenzione.

Ecco perché è importante chiedere consiglio ad un fisioterapista o ad altro professionista sul modo più sicuro di sollevare e sorreggere una persona. Le seguenti indicazioni possono essere utili, ma è bene assicurarsi che ci sia sempre qualcuno che ci possa aiutare.

Posizioniamoci a gambe leggermente divaricate e con i piedi saldamente piantati per terra. Pieghiamoci sulle ginocchia e sulle anche. Cerchiamo di stare molto vicino alla persona e spieghiamole che cosa deve fare. Dobbiamo agire sempre lentamente e non sollevarla finché non siamo perfettamente a posto.

Per non danneggiare la colonna vertebrale, dobbiamo cercare di evitare movimenti di torsione, modificando eventualmente la posizione dei mobili o procedendo per gradi.

Non dobbiamo mai tirare per le braccia l’altra persona, poiché potremmo danneggiarle le spalle.

  • Infine, accertiamoci in anticipo che lo spazio circostante sia sufficiente e che non vi siano ostacoli sul percorso. Se in qualsiasi momento ci accorgiamo che lo sforzo è eccessivo dobbiamo fermarci e chiedere aiuto.

Aiutare una persona ad alzarsi dalla sedia:

È più difficile sollevarsi da una sedia bassa. Se la sedia è troppo bassa per l’anziano, può essere utile mettervi sopra un cuscino. Una sedia con solidi braccioli lo aiuterà a far da solo più a lungo.

Per prima cosa, dobbiamo invitare il malato a tirarsi avanti, verso il bordo della sedia. Deve tenere i piedi fermi a terra, uniti e leggermente indietro. Se può collaborare, possiamo aiutarlo in questo modo: mettiamoci a lato della sedia e afferriamogli la mano dalla nostra parte, palmo contro palmo; con l’altra mano prendiamolo saldamente sotto l’ascella opposta. Ora possiamo reggerlo mentre si alza.

Se invece non è in grado di collaborare, è meglio che ci mettiamo di fronte a lui, gli facciamo posare le braccia sulle nostre spalle (non attorno al collo) e appoggiamo le nostre mani sul suo dorso, all’altezza della vita. Le nostre ginocchia devono essere contro le sue e i nostri piedi bloccare i suoi. Se sentiamo che lo sforzo è eccessivo, è meglio non proseguire. La cosa migliore in tal caso è di lasciare seduto e cercare un aiuto.

Aiutare una persona a scendere dal letto:

Aiutiamolo a spostarsi verso il bordo del letto, dalla parte dove siamo noi. Facciamogli sollevare le gambe e facciamogliele spostare fuori dal letto, fino a che si metta seduto con i piedi appoggiati saldamente a terra. Procediamo poi come per aiutarlo ad alzarsi dalla sedia.

 

Aiutare una persona ad alzarsi da terra

Se invece si trova a terra in seguito a una caduta, accertiamoci anzitutto che non si sia fatto male. Se pensiamo che sia ferito, dobbiamo cercare di metterlo comodo e poi cercare aiuto.

Se non è ferito possiamo aiutarlo ad alzarsi in questo modo: mettiamogli accanto una sedia robusta; aiutiamolo a inginocchiarsi e a mettere una mano sulla sedia, appoggiandosi ad essa. Ora con una mano afferriamo la sua e con l’altra prendiamolo sotto il braccio vicino al tronco; poi incoraggiamolo a fare pressione con la mano che tiene appoggiata sulla sedia, mentre noi lo aiuteremo ad alzarsi in piedi.

Se ci riesce difficile, è meglio non insistere perché potremmo fargli più male che bene. Se è incapace di collaborare o è troppo pesante (e il pavimento è caldo e confortevole), gli daremo una coperta e un cuscino e lo lasceremo lì finché non avremo trovato aiuto.

@Copyright www.alzheimer.it

 

La comunicazione

 

Comunicazione

 

Era difficile capire che cosa facesse inquietare mio marito. Non era capace di dirlo. Poi, al momento di andare a letto, mi accorsi che aveva un dito del piede gonfio e infiammato.

“Un’altra bella giornata”, diceva spesso la mia mamma quando scendeva per colazione, mentre magari fuori pioveva. E io le dicevo semplicemente: «Allora ti senti bene?»

 

I malati di Alzheimer manifestano difficoltà di comunicazione, che tendono col tempo a diventare sempre più gravi. Il termine “afasia” si usa spesso per indicare la difficoltà o la perdita della facoltà di capire la lingua parlata e scritta, come conseguenza del deterioramento del corrispondente centro nervoso (la parte del cervello responsabile della comunicazione). Gli esseri umani comunicano fra di loro mediante la parola, col linguaggio del corpo, usando segni, immagini o simboli e mediante la scrittura, quindi nelle tre seguenti sezioni:

 

  • comunicazione verbale
  • comunicazione non verbale e contatto fisico
  • lettura, scrittura e immagini/simboli.

 

Comunicazione verbale

Con il graduale peggioramento del linguaggio, possono sorgere difficoltà di comunicazione che portano a frustrazione, confusione e talvolta persino a reazioni di rabbia. Se i bisogni e i desideri del malato non vengono soddisfatti, se gli altri interpretano male il suo comportamento, egli può cominciare a provare un senso crescente di isolamento. L’incapacità di comunicare in modo adeguato può essere causa di imbarazzo, specialmente se gli errori vengono rimarcati. In realtà, non è raro che il malato di demenza cominci ad usare un linguaggio meno complesso (frasi più corte e/o un vocabolario limitato), prenda meno parte alla conversazione, si rinchiuda progressivamente in se stesso fino al punto di smettere completamente di parlare.

Anche in chi assiste crescerà la frustrazione per non poterlo aiutare, lo sconcerto per il suo comportamento e la nostalgia delle lunghe conversazioni che si facevano una volta. Ci sono numerose soluzioni pratiche che possiamo adottare per migliorare la comunicazione, mantenendo sempre equilibrio e naturalezza: il nostro atteggiamento sereno e l’incoraggiamento sono gli elementi più importanti.

 

Come facilitare la comunicazione verbale?

 

  • Cercare di adottare un approccio positivo
  • Sedersi di fronte al malato e cercare di incoraggiarlo a parlare
  • Cercare di cogliere l’emozione che esprime
  • Evitare di sottolineare inutilmente gli errori
  • Cercare di dargli aiuto e adattare il proprio stile di linguaggio
  • Assicurarsi che la comunicazione non sia ostacolata da problemi fisici

 

Con la pazienza, la calma e un atteggiamento non critico, è più facile ottenere dal malato un livello di comunicazione accettabile, evitando imbarazzo e vergogna. È meglio che siamo noi a prendere l’iniziativa parlandogli di qualcosa di interessante. Possiamo anche cercare di coinvolgerlo in conversazioni con altre persone. Anche quando il malato di demenza comincia a usare uno stile di linguaggio più semplice e frasi più corte, è importante non trattarlo come un bambino, o in maniera troppo condiscendente, o – peggio ancora – parlare di lui come se fosse assente.

Spesso, le parole che si usano e lo stile del linguaggio sono molto meno importanti delle emozioni che si esprimono. Evitiamo pertanto di stigmatizzare gli errori, ma cerchiamo piuttosto di capire e di rispondere a ciò che secondo noi il malato ha voluto dire e a ciò che prova in quel momento.

 

Come avvicinare il malato di demenza?             

  • Stargli molto vicino
  • Chiamarlo spesso con il suo nome
  • Toccare il suo corpo delicatamente
  • Mettersi di fronte a lui e alla stessa altezza
  • Stabilire un contatto con lo sguardo

Come comunicare con il malato di demenza? 

  • Parlargli con chiarezza e molto lentamente
  • Usare parole e frasi molto brevi, semplici e concrete
  • Accompagnare il linguaggio verbale con una gestualità coerente
  • Dargli un messaggio per volta
  • Usare frasi affermative

 

Poiché molti dei problemi incontrati dal malato di demenza sono in qualche modo legati alla perdita di memoria, possiamo aiutarlo ripetendo i concetti, riassumendo e richiamando cose dette in precedenza, evitando di farlo attendere se si aspetta una risposta e usando più spesso i nomi delle persone. Se ci accorgiamo che la persona non ha capito qualcosa, possiamo ripetere quello che abbiamo appena detto usando parole diverse. Ma, se abbiamo usato una frase semplice e specifica, è meglio aspettare e poi ripeterla con le stesse parole. Se ci sembra che la persona sia bloccata da una parola, possiamo dargli un suggerimento. Talvolta il malato usa una sola parola della frase in modo improprio e la chiave per capire ciò che sta cercando di dire si trova spesso in quella parola (ad es. orologio invece di tempo, zuccotto invece di cappotto o pioggia invece di acqua). Ad ogni modo, è importante essere sicuri di non enfatizzare gli eventuali problemi. Inoltre, bisogna stare attenti a non aiutare la persona prima del necessario e a non sostituirsi a lei, poiché questo ridurrebbe la motivazione a provare. È possibile che il malato abbia semplicemente bisogno di più tempo per capire quello che abbiamo detto e per rispondere. Cerchiamo allora che le nostre domande siano semplici, che la risposta richiesta sia preferibilmente un sì o un no.

 

Comunicazione non verbale e contatto fisico

Man mano che la comunicazione verbale diventa più difficile, ci accorgeremo di poter fare maggiore affidamento sulla comunicazione non verbale, come ad esempio l’inflessione e il tono della voce, lo sguardo, l’espressione del viso, il gesto, il linguaggio dei segni e il contatto fisico. I malati di demenza di solito sono bravi a interpretare questi segnali, ma spesso hanno difficoltà a interpretare i segnali più deboli con cui si fa capire a una persona che è il suo momento di intervenire nella conversazione. Di conseguenza, un malato può interferire nel discorso nel momento meno opportuno e poi non parlare quando è il suo turno, lasciando perplessi gli interlocutori che non sono al corrente del problema.

 

Come usare la comunicazione non verbale?

 

  • Fare in modo di non dare messaggi tra loro contrastanti
  • Cercare di interpretare il “linguaggio del corpo” del malato
  • Per facilitarlo a prendere la parola quando è il suo turno, cercare di mantenere il contatto visivo mentre gli parliamo e se necessario toccargli una mano
  • Dare sicurezza e sostegno mediante il contatto fisico

 

L’inflessione e il tono della voce sono di estrema importanza. Per capire quello che stiamo dicendo, Il malato di demenza si concentra su questi elementi, come pure sull’espressione del nostro viso e persino sulla postura del corpo. Questo può essere molto utile, ma può anche portare a malintesi, in particolare quando il significato delle nostre parole non corrisponde a quello del linguaggio non-verbale (per es. se diciamo “Va bene, non è colpa tua” mentre il tono della voce e l’espressione del viso indicano che non va affatto bene e che questo ci fa andare in collera). Il linguaggio non verbale può però anche aiutarci a capire quello che il malato vuol dire quando le parole gli mancano e molto possiamo comunicare attraverso uno sguardo o un sorriso, come pure coi gesti. Molte persone apprezzano il contatto fisico, che può essere un efficace mezzo di comunicazione per i malati di demenza. Si è notato che anche negli stadi più gravi della malattia, essi tendono ancora a rispondere alle voci dolci e familiari e al contatto. Perciò, anche quando il malato non è più in grado di capire, prendergli una mano o mettergli un braccio attorno alle spalle può comunicargli molto e dargli un senso di sicurezza.

 

Lettura, scrittura e immagini/simboli

A volte ci accorgiamo che il malato capisce un messaggio scritto, mentre ha difficoltà a capire quello che gli abbiamo detto; oppure riesce a leggere correttamente senza cogliere il significato di quello che legge. È in qualche modo sorprendente il fatto che, dopo che ha perso la capacità di scrivere, riesca ancora per molto tempo a scrivere il proprio nome. Molti malati capiscono le immagini e i simboli, anche se può succedere che uno stesso simbolo non abbia per tutti la stessa efficacia. Tutte queste forme di comunicazione coinvolgono diverse funzioni e abilità, che possono modificarsi col tempo e che sono diverse da persona a persona. È importante sfruttare al massimo queste forme alternative di comunicazione finché mantengono la loro efficacia.

 

Come usare la lettura, la scrittura e le immagini/simboli?

 

  • Controllare regolarmente se il malato è ancora in grado di leggere e di capire un messaggio scritto
  • Lasciare foglietti promemoria (con un solo messaggio per foglietto)
  • Usare simboli che non siano troppo astratti e associare simboli, immagini e fotografie per facilitare la comprensione di un messaggio scritto

 

Come sfruttare al meglio la lettura, la scrittura e le immagini/simboli?

Etichette auto-adesive, foglietti, lavagnette piazzati in posti strategici sono tutti espedienti validi per lasciare messaggi del tipo “Non dimenticare di chiudere a chiave la porta”. Per evitare confusione, è meglio lasciare due biglietti diversi piuttosto che scrivere due messaggi sullo stesso biglietto; è comunque opportuno non eccedere nel numero dei biglietti. Le capacità del malato si modificano con il tempo, perciò è buona norma controllare di tanto in tanto se è ancora in grado di leggere e di capire il significato delle parole. Un’altra cosa da fare è etichettare i cassetti, le credenze e le porte per indicare rispettivamente che cosa contengono e dove portano (ad es. calzini, dispensa, bagno, cucina). Tali etichette si possono completare con immagini (ad esempio simboli, fotografie, disegni, ecc.). Per esempio, sulla porta del bagno si può mettere un disegno o una rappresentazione simbolica del water con sotto la scritta “gabinetto”. Questo è particolarmente utile nei luoghi in cui convivono più malati di demenza. Tuttavia, è importante ricordare che simboli troppo astratti non sono efficaci. È meglio perciò evitare simboli moderni molto sintetici o stilizzati, che possono risultare di difficile interpretazione.

 

@Copyright www.alzheimer.it

Comportamento aggressivo

I malati di demenza si comportano spesso in modo aggressivo, sia verbalmente che fisicamente (anche se l’aggressività verbale è quella più comune).

Questo comportamento può metterci in grave difficoltà emotiva e pratica. È sempre importante ricordare che il comportamento aggressivo è dovuto alla malattia più che all’individuo. In questo senso non risparmia nessuno: anche persone con un carattere molto dolce possono talvolta comportarsi in modo aggressivo.

Ecco perché rimaniamo sconvolti e sconcertati. Diverse sono le cause che possono scatenare l’aggressività, ma soprattutto la frustrazione e l’ansia. Tuttavia, la causa più comune è la paura; si tratta quindi di una naturale reazione difensiva contro la falsa percezione di un pericolo o di una minaccia. Non sempre si riesce a prevenire l’aggressività, bisogna però cercare di ridurre al minimo le conseguenze per sé e per gli altri.

Come affrontare un comportamento aggressivo?

  • Mantenere un atteggiamento calmo e rassicurante

È importante cercare di rimanere calmi, per non perdere il controllo della situazione. Certamente non sarà facile, soprattutto se il malato di demenza ci urla contro o si comporta in modo minaccioso. Non dobbiamo dimenticare che gli agiti e le parole non sono volutamente diretti contro di noi. Può darsi che il malato sia spaventato o arrabbiato e abbia soltanto bisogno di essere rassicurato, con le parole, con la dolcezza e spiegandogli cosa sta succedendo.

  • Cercare di distrarre il malato

Talvolta è possibile bloccare un comportamento aggressivo distraendo il malato. Ad esempio, possiamo proporgli di andare a bere qualcosa insieme, di andare da qualche parte o di fare qualcosa che a lui piace.

    • Evitare gli atteggiamenti di sfida e i tentativi di coercizione fisica
    • Badare alla propria incolumità (fare in modo di avere una via di fuga)
    • Parlare dell’accaduto e dei propri sentimenti con una persona di fiducia
    • Informare il medicoComportamenti da evitare
    • atteggiamenti di sfida e discussioni
    • mostrarsi offesi
    • provocare fisicamente
    • stuzzicare o deridere
    • bloccarlo con la forza
    • metterlo con le spalle al muro
    • non dargli spazio sufficiente
    • lottare per liberarsi dalla sua stretta

Badare alla propria incolumità
Il malato di demenza può essere molto più forte di quanto ci si possa aspettare, specialmente quando si sente minacciato. Bisogna perciò essere sicuri di avere una via di fuga e usarla se necessario. Sarebbe opportuno trovare una persona esperta che ci insegni come ci si può liberare da una presa stretta. Se eseguita con delicatezza, questa manovra potrebbe trasformarsi in un gesto protettivo, oltre che darci sicurezza e maggiore tranquillità.

Non c’è nulla di male a preoccuparsi di se stessi. Quando rassicurazione e distrazione non funzionano, non rimane molto da fare. Lasciando la stanza, non soltanto daremo al malato il tempo e lo spazio per calmarsi, ma garantiremo la nostra incolumità personale.
Parlare dell’accaduto e informare un medico

Se si verifica un episodio di aggressione, è meglio parlarne con una persona di fiducia, anche se pensiamo di aver gestito bene la situazione. Qualcosa che il malato ha detto o fatto si può insinuare nella nostra mente, o forse ci preoccupa come riusciremo ad affrontare la situazione in futuro.

L’incidente può anche aver risvegliato ricordi di esperienze precedenti. Se il problema diventa incontrollabile o la paura prevale, non dobbiamo esitare a consultare un medico, che può essere in grado di consigliarci e – se necessario – prescrivere dei farmaci.

Come prevenire un comportamento aggressivo
Cercare di scoprirne la causa, per impedire che si ripeta
Ansia, paura, agitazione, nervosismo, rabbia e frustrazione sono tutti stati d’animo che possono scatenare un comportamento aggressivo.

    • Tuttavia, come accade per altri problemi, non è sempre possibile impedire al malato di comportarsi in modo aggressivo e non sarà certamente colpa nostra se questo a volte succede.
      • @Copyright http://www.alzheimer.it/aggress.html

 

Cervello più giovane

Una notizia buona, una semi-cattiva. La prima è che la vitamina B12 aiuta il cervello, soprattutto quello dei più anziani. Merito della relazione positiva tra memoria e assimilazione del nutriente.

Ma di quanta B12 ha bisogno il nostro organismo per “ricordare”?

La notizia semi-cattiva è che è ancora presto per stabilire se “troppa” vitamina possa, alla fine, anche far male. La capacità di rallentare la degenerazione delle cellule cerebrali è stata descritta in una ricerca internazionale coordinata dell`Università di Oxford, pubblicata su Neurology, misurando il cervello di un gruppo di volontari. Sulle quantità, il problema resta.

I medici britannici hanno tenuto sotto osservazione 107 ultra-sessantenni divisi in tre gruppi, ognuno dei quali con livelli diversi di concentrazione di B12, presente nel fegato e nei reni. Nessuno, però, aveva manifestato ancora problemi di perdita di memoria. Quindi nei successivi cinque anni hanno sottoposto i volontari alle analisi del sangue e ad esami per misurare la grandezza del cervello e hanno notato che la massa cerebrale si riduceva quando c`era meno vitamina in circolazione.

Un cervello più piccolo vuol dire meno attività cerebrale e quindi meno memoria.
Gli anziani sotto il “livello di sicurezza” avrebbero, quindi, sei volte più probabilità di perdere la memoria. In ogni caso, Smith ha assicurato che “la dieta può rallentare i processi di danneggiamento dell`attività cerebrale, forse addirittura può ridurre il rischio di sviluppare la demenza senile, di solito associata al problema della perdita di memoria, anche se sono necessari studi ulteriori per confermare quest`ultima ipotesi”.

Quindi spazio a uova, pesce, formaggio, latte e carni, “miniere” naturali di cobolamine (altro nome delle molecole conosciute come vitamine del complesso B12).

Qualche perplessità sugli integratori. Indispensabili ad esempio per chi pratica una dieta vegetariana, non è ancora del tutto chiaro se un loro abuso possa portare a ribaltare gli effetti positivi. In attesa di sciogliere i dubbi, i ricercatori consigliano una “”una dieta bilanciata” capace di garantire una migliore qualità della vita.

E, da non dimenticare, anche una memoria di ferro.

 

Copyright @proanziani.itFine modulo

Vitamina B12

 

Diabete

I diabetici sono categorie protette?

 

Il lavoratore diabetico ha diritto al collocamento obbligatorio e alle agevolazioni delle categorie protette?

diabetici possono rientrare nelle categorie protette ed aver diritto ai relativi benefici, come il collocamento mirato e l’inclusione nelle quote di riserva per le assunzioni: tuttavia, non basta avere il diabete per far parte delle categorie protette, ma è necessario che sia stata riconosciuta una determinata percentuale d’invalidità.

Chi sono le categorie protette

Fanno difatti parti delle categorie protette, o meglio sono destinatari delle norme sul collocamento obbligatorio, o mirato:

  • le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali ed i portatori di handicap intellettivo, in possesso di riduzione della capacità lavorativa (invalidità) superiore al 45%;
  • gli invalidi del lavoro, con un grado di invalidità, accertato dall’Inail, superiore al 33%;
  • i ciechi assoluti o le persone con un residuo visivo non superiore a 1/10 a entrambi gli occhi;
  • i sordomuti, cioè le persone colpite da sordità sin dalla nascita o prima dell’apprendimento della parola;
  • le persone che percepiscono l’assegno di invalidità civile, per accertamento da parte dell’Inps di una riduzione permanente a meno di 1/3 della capacità lavorativa;
  • gli invalidi di guerra, gli invalidi civili di guerra e gli invalidi per servizio con minorazioni ascritte dalla 1° all’8° categoria.

I diabetici sono categorie protette, dunque, se possiedono i requisiti elencati.

Rientrano tra le categorie protette e sono soggette a una particolare tutela anche:

  • gli orfani ed i coniugi superstiti dei lavoratori deceduti per causa di lavoro, guerra o servizio, o per l’aggravarsi dell’invalidità derivante da tali cause;
  • i coniugi ed i figli di grandi invalidi di guerra, di servizio o di lavoro;
  • i profughi italiani rimpatriati;
  • i familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

Per poter beneficiare dei vantaggi offerti dal collocamento obbligatorio, è necessario che il lavoratore rientrante nelle categorie protette si iscriva nell’apposito elenco, tenuto dagli uffici competenti. Per l’iscrizione nell’elenco è necessario lo stato di disoccupazione.

Diabete e invalidità per rientrare nelle categorie protette

Ci si chiede, a questo punto, qual è la percentuale d’invalidità riconosciuta per il diabete. In realtà non esiste una percentuale unica, ma dipende dal tipo di patologia riscontrata. Vediamo che cosa prevedono, in merito al diabete, le linee guida Inps per il riconoscimento dell’invalidità:

  • diabete mellito con complicanze gravi: dal 91% al 100%;
  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado moderato: dall’81% al 90%;
  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado moderato: dal 71% all’80%;
  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado moderato: dal 61% al 70%;
  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado lieve: dal 51% al 60%;
  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado lieve: dal 41% al 50%;
  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato non complicato scompensato: dal 31% al 40%;
  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado lieve: dal 21% al 30%;
  • diabete mellito tipo 1 in mediocre compenso glicemico e/o con complicanze solo strumentalmente rilevate: dall’11% al 20%;
  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato e diabete mellito tipo 1 non complicato: dal 6% al 10%;
  • diabete mellito tipo 2 non complicato: dallo 0 al 5%.

In base a quanto osservato, la percentuale d’invalidità e, quindi, la possibilità di rientrare nelle categorie protette dipendono dal tipo di diabete diagnosticato.

Come fare domanda d’invalidità per il diabete

Per ottenere la pensione di vecchiaia anticipata, la maggiorazione dei contributi o uno dei trattamenti d’inabilità, non basta che il medico curante diagnostichi il diabete, ma bisogna che l’invalidità derivante dal diabete sia riconosciuta da parte di un’apposita commissione medica.

La procedura per ottenere il riconoscimento dell’invalidità, riassunta a grandi linee, è la seguente:

  • recarsi dal proprio medico curante per ottenere il certificato medico introduttivo, con cui diagnostica l’invalidità; questo certificato deve essere da lui trasmesso all’Inps in via telematica; il medico deve rilasciare una ricevuta col numero di protocollo;
  • inviare domanda d’invalidità dal sito dell’Inps (o tramite patronato), tramite i servizi per il cittadino (se si possiede il pin, la carta nazionale dei servizi o l’identità digitale spid);
  • presentarsi alla visita medica presso la commissione, che dopo attenta valutazione, redigerà un verbale con cui riconosce, o meno, una determinata percentuale d’invalidità.

 

 

Copyright www.laleggepertutti.it   Articolo di Noemi Secci

Agevolazioni e contributi per assistenza familiari anziani e disabili

Agevolazioni e contributi per assistenza familiari anziani e disabili

Quali sono i benefici e le agevolazioni per chi assiste un familiare bisognoso di cure?

I costi di una badante rappresentano una voce di spesa piuttosto importante, nelle famiglie italiane, ancora di più se il familiare assistito necessita di un’assistenza specifica e di particolari terapie. Esistono, però, agevolazioni e contributi per l’assistenza di familiari anziani e disabili, che alleggeriscono, seppure in piccola parte, il peso nel bilancio familiare dei costi per l’assistenza.

Detrazione delle spese di assistenza per i non autosufficienti

 La detrazione delle spese di assistenza per i non autosufficienti consiste nella possibilità di detrarre i costi sostenuti per l’assistenza dalle imposte (sia da parte dell’interessato, che dei familiari che lo hanno a carico), sino a 2.100 euro l’anno, se il reddito non supera 40mila euro. La detrazione è pari al 19% dei costi e deve essere indicata nel modello 730 o Redditi.

La non autosufficienza non va confusa con l’handicap o con l’invalidità: è considerata non autosufficiente, infatti, una persona non in grado di compiere autonomamente gli atti quotidiani della vita o non in grado di camminare senza l’aiuto di un accompagnatore.

Inoltre, ai fini dell’agevolazione fiscale può essere considerata non autosufficiente anche una persona che necessita di sorveglianza continuativa; lo stato di non autosufficienza, per ottenere il beneficio fiscale, deve risultare da un’apposita certificazione medica.

L’agevolazione non compete per le spese di assistenza sostenute a beneficio di soggetti come, ad esempio, i bambini quando la non autosufficienza non si ricollega all’esistenza di patologie.

L’agevolazione spetta anche se le prestazioni di assistenza sono rese da:

  • una casa di cura o di riposo;
  • una cooperativa di servizi;
  • un’agenzia interinale.

La detrazione non spetta, invece, relativamente ai costi sostenuti per retribuire i lavoratori domestici (colf) che hanno un inquadramento contrattuale diverso dagli addetti all’assistenza personale (badanti).

Per fruire della detrazione, le spese devono risultare da specifici documenti. Può essere utile anche una ricevuta firmata, rilasciata da chi presta l’assistenza, purché il documento contenga:

  • gli estremi anagrafici;
  • il codice fiscale di chi effettua il pagamento;
  • il codice fiscale di chi che presta l’assistenza.

Se la spesa è sostenuta in favore di un familiare, nella ricevuta devono essere indicati anche gli estremi anagrafici e il codice fiscale di quest’ultimo. Inoltre, se le prestazioni di assistenza sono effettuate da:

  • una casa di cura o di riposo, devono essere certificati a parte i corrispettivi riferiti all’assistenza, rispetto a quelli riferibili ad altre prestazioni fornite dall’istituto;
  • una cooperativa di servizi, il documento deve specificare la natura del servizio reso;
  • un’agenzia interinale, la documentazione deve specificare la qualifica contrattuale del lavoratore.

Copyright www.laleggepertutti.it   Articolo di Noemi Secci