Cooperativa Sociale Sostenerti

Assistenza anziani Roma

06-64491625     328-7023754

Anziani più sereni con gli amici a quattro zampe!

Per il settimo anno consecutivo l’Asp della Bassa Romagna ha deciso di puntare sulla pet therapy, visti gli ottimi risultati sia sul versante terapeutico che in ambito di socializzazione, sostegno, svago e animazione. Il rapporto con i cani adeguatamente addestrati e abilitati è stato particolarmente apprezzato dagli anziani, con effetti positivi di diversa natura, dal miglioramento del tono dell’umore e del benessere a quello dell’attenzione e della comunicazione, verbale e non, fino a importanti risultati nell’incremento delle prestazioni cognitive e relazionali dei ricoverati affetti da demenza o malattia di Alzheimer.

“La complessità delle relazioni fra paziente e animali – spiega l’Asp – fa sì che a operare per la buona riuscita del progetto sia un’intera équipe multi-professionale dell’Asp, scelta in base ai piani assistenziali individuali: medico, fisioterapista, infermiere, terapista della riabilitazione, animatore, operatore socio assistenziale e responsabile delle attività assistenziali. Fondamentale è poi il ruolo dell’operatore specializzato in pet therapy affinché la seduta possa raggiungere l’obiettivo previsto per ogni anziano coinvolto”. Nel caso dell’Asp i cani sono guidati da Irene Zamboni, che ha frequentato il master in Terapie assistite e coadiuvate da animali presso la Facoltà di Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa.
A tutta zampa…! coinvolge, oltre alla casa protetta F.lli Bedeschi di Bagnacavallo in cui si è tenuta la presentazione, le altre tre strutture gestite dall’Asp: casa residenza anziani Sassoli di Lugo, centro anziani Silvagni di Voltana e casa residenza anziani Jus Pascendi di Conselice. Il progetto comprende venti interventi di un’ora ciascuno in ogni struttura, partendo da un primo contatto fra l’anziano e il cane coadiuvato dal conduttore in ambienti non medicalizzati, silenziosi, illuminati e accoglienti per favorire comportamenti il più possibile spontanei. I cani si lasciano accarezzare e toccare e sono in grado in questo modo di infondere tranquillità e sicurezza. Comunicano tramite sguardi, gesti e movimenti impercettibili creando all’istante un contatto con l’anziano.

Partner di progetto è l’associazione sportiva dilettantistica Kingdog di Conselice, sostenitore dell’iniziativa come negli anni scorsi il Lions Club Bagnacavallo.

“La terapia assistita con animali, comunemente definita pet therapy, è un’attività aggiuntiva che viene svolta da ormai sei anni nelle strutture per anziani gestite dall’Asp dei Comuni della Bassa Romagna – ha sottolineato il presidente Ravagli –. La vicinanza degli animali, nel nostro caso si tratta di cani appositamente addestrati, tre golden retriever e un labrador, stimola negli anziani particolari ricordi della vita vissuta e provoca reazioni positive difficilmente ottenibili attraverso le terapie tradizionali. Risulta assolutamente positivo il fatto che dalle sedute di pet therapy svolte settimanalmente nelle nostre strutture traggano beneficio anche anziani gravemente compromessi sia dal punto di vista cognitivo che mentale. Un sentito ringraziamento al Lions Club di Bagnacavallo che da anni sostiene economicamente il programma di pet therapy che si svolge nella casa protetta F.lli Bedeschi”.

Fonte: Ravenna24Ore

Nessun Commento

Rispondi